Bardzo tanie apteki z dostawą w całej Polsce kupic cialis i ogromny wybór pigułek.

Big pharma e il lobbying farmaceutico

News > Italia > Politica - Martedì 11 Giugno 2013, 11:00
Big Pharma e il lobbying farmaceuticoMaria Cristina Antonucci Nel corso del 2013 la , l’associazione
che raggruppa le principali multinazionali farmaceutiche statunitensi, ha impiegato oltre 5 milioni
di dollari in attività di lobbying. In questo modo,'Big Pharma', etichetta poco lusinghiera per
l’associazione di categoria che raggruppa i principali attori del settore della ricerca e
produzione farmaceutica, si colloca al sesto posto della speciale classifica delle lobby
con maggiore capacità di investimento
realizzata dal think
tank
americano che opera a favore della trasparenza nella rappresentanza degli interessi
economici.
La rilevanza della attività di lobbying delle grandi imprese farmaceutiche non appare come un
dato sorprendente: considerata la rilevanza sociale della salute pubblica come una delle finalità
tradizionalmente assunte su di sé da ogni Stato, il settore medico e farmaceutico costituiscono
alcuni degli ambiti di politiche pubbliche più assoggettati alla attività di regolazione da parte del
legislatore. Laddove ci sono regole collettive in materia di salute poste dal decisore pubblico, lì il
lobbista di Big Pharma deve svolgere la propria attività di rappresentanza degli interessi
economici. Come mostra il volume di l’interesse delle compagnie
farmaceutiche nella determinazione dei contenuti delle politiche sanitarie è meglio
organizzato e più focalizzato al risultato rispetto agli interessi dei gruppi di pazienti e
degli operatori della sanità.
Afferma Law, identificando la prevalenza dell’interesse
economico delle grandi imprese farmaceutiche sul diritto alla salute: «Sostenere che vi sia una
relazione diretta tra gli sforzi dell’industria farmaceutica e la salute pubblica è davvero ingenuo
»
In questo senso, all’interno del mercato globale del farmaco, le grandi imprese farmaceutiche' di svolgere ricerca su malattiespecifiche, ad elevato tasso di allarme sociale, al fine di vendere, con ampi margini di profitto,rimedi farmacologici brevettati in via esclusiva e di mantenere troppo elevati i prezzi di ognicategoria di farmaco venduta. Parallelamente, esiste tutto un settore di malattie in cui la ricercadi rimedi farmacologici viene negletta, a causa della maggiore e più duratura possibilità diottenere ricavi da cure palliative e dal mixaggio di risposte farmacologiche differenti. Jay Cohen Estratto ad uso rassegna stampa dalla pubblicazione online integrale e ufficiale reperibile al link http://www.lindro.it/politica/2013-06-11/86229-big-pharma-e-il-lobbying-farmaceutico L'Indro è un quotidiano registrato al Tribunale di Torino, n° 11 del 02.03.2012, edito da L'Indro S.r.l.
Copyright L'Indro S.r.l. Tutti i diritti riservati News > Italia > Politica - Martedì 11 Giugno 2013, 11:00
nel volume come mai esplodeva il
successo per farmaci per la terapia di malattie socialmente diffuse in Occidente, come
l’impotenza maschile o la depressione con i due best seller Viagra e Prozac, mentre la
ricerca per una risposta unitaria a tumori e AIDS non veniva finanziata con la stessa
intensità
da parte di Big Pharma.
A fronte di una stampa, di una produzione editoriale e di una opinione pubblica così orientata
nei confronti dell’operato delle multinazionali del farmaco, c’è da ritenere che una parte del
cospicuo budget dedicato da Big Pharma nel 2013 alla rappresentanza dei propri interessi sia
stato destinato anche in azioni di lobbying indiretto, come campagne stampa, finanziamento
di comunicazione sociale, coinvolgimento di gruppi di pazienti e di operatori del settore
sanitario, diffusione di ricerche, dati e informazioni. In sostanza, si tratta di modalità indirette di
promozione del proprio interesse, rivolte a promuovere una nuova, migliore immagine sociale
della ricerca farmaceutica
in un settore più ampio rispetto al novero ristretto dei soggetti
decisionali pubblici. In un sistema di sanità privatistica come quello degli USA, convincere i
consumatori finali privati dell’efficacia dell’intero sistema produttivo della ricerca farmaceutica è
fondamentale per mantenere alti i ricavi e per difendere il settore dagli attacchi di forme
alternative di terapia (farmaci generici, omeopatia, naturopatia, rimedi davvero di nicchia nel
mercato americano del farmaco).
E in Italia? La situazione per la rappresentanza degli interessi si è presentata ottimale per
le imprese produttrici di farmaci fino alla rottura della tenuta economica del sistema sanitario
nazionale, nella prima metà degli anni 2000 e fino alla sostanziale devoluzione di importanti
competenze in materia di salute pubblica dallo Stato alla Unione Europea da un lato e dallo
Stato alle Regioni dall’altro. Elevati ricavi determinati dal sostegno pubblico alla spesa
farmaceutica, assenza di un tetto massimo di spesa per farmaci per le strutture ospedaliere,
importante capacità di presidio del farmaco, rappresentata da una capillarità delle strutture di
medicina pubblica e dalla forza corporativa dell’ordine dei farmacisti, e una composizione
demografica orientata all’invecchiamento della popolazione garantivano una tenuta sostanziale
dei ricavi delle imprese di Big Pharma in Italia. La situazione è cambiata profondamente
quando, dopo il 2005 la spesa farmaceutica, nelle sue due componenti territoriale ed
ospedaliera, ha trovato un argine al sostengo pubblico mediante criteri di programmazione del
tetto massimo (per gli ospedali) e di vincoli alla piena rimborsabilità dei farmaci (per i privati). Un
ulteriore intervento preoccupante per i grandi produttori di farmaci griffati si è verificato nel 2012,
quando il sistema dei tagli al settore della sanità ha previsto il primario ricorso nella
prescrizione da parte dei medici di famiglia, di medicinali di tipo generico, richiamati nella ricetta
esclusivamente con riferimento al principio attivo. Alle difficoltà strutturali dovute ad una
contrazione del sostegno pubblico all’acquisto dei farmaci, si aggiunge un quadro per la
rappresentanza degli interessi complesso dal punto di vista istituzionale. Le difficoltà
dell’azione di lobbying nel settore farmaceutico per le imprese multinazionali presenti
sul mercato italiano sono complicate dal peculiare assetto regolativo nazionale.
Se negli
USA l’attività di lobbying si svolge nei confronti della , unica
agenzia regolativa, in Italia c’è una molteplicità di soggetti coinvolti nelle questioni
farmaceutiche: l’regolativa del farmaco, l’ , Consiglio
Estratto ad uso rassegna stampa dalla pubblicazione online integrale e ufficiale reperibile al link http://www.lindro.it/politica/2013-06-11/86229-big-pharma-e-il-lobbying-farmaceutico L'Indro è un quotidiano registrato al Tribunale di Torino, n° 11 del 02.03.2012, edito da L'Indro S.r.l.
Copyright L'Indro S.r.l. Tutti i diritti riservati News > Italia > Politica - Martedì 11 Giugno 2013, 11:00
Superiore di Sanità, organo consultivo del Ministro per la Salute, dotato di competenze tecnico-
scientifiche in materia di farmaci nella Sezione V. E poi ci sono altri soggetti sub statali ma
ugualmente decisivi per gli aspetti gestionali in grado di provocare volumi di vendita dei farmaci.
In primo luogo, le Regioni, titolari di competenze di gestione della spesa sanitaria in virtù della
riforma del titolo V della Costituzione del 2001 e dei successivi interventi in materia di spesa
sanitaria regionale delle leggi finanziarie. Ci sono le ASL e gli Istituti di ricovero, soggetti attivi
della spesa per farmaci nelle strutture pubbliche. E ci sono i consumatori, sempre più spesso
consapevoli e organizzati nell’acquisto e nel consumo di prodotti farmaceutici, grazie anche
alla crescita delle organizzazioni a supporto dei consumatori e dei pazienti.
Insomma, una lunga serie di provvedimenti volti a tagliare la spesa farmaceutica, una pluralità
di soggetti istituzionali, nazionali e regionali, attivi a vario titolo nelle policy sanitarie e una
maggiore attenzione dei consumatori alla spesa farmaceutica non griffata e verso terapie
alternative sembrano aver trasformato l’Italia dal paradiso di Big Pharma ad un campo di
battaglia in cui ASL
, organizzazioni di pazienti e opinione pubblica combattono attivamente lo
strapotere delle imprese produttrici globali di rimedi farmaceutici. E, in un eterno ritorno, si
ripropone così con maggiore forza l’esigenza di praticare una costante attività di lobbying verso
tutti i soggetti istituzionali della sanità italiana, per mantenere Big Pharma 'Big'.
Estratto ad uso rassegna stampa dalla pubblicazione online integrale e ufficiale reperibile al link http://www.lindro.it/politica/2013-06-11/86229-big-pharma-e-il-lobbying-farmaceutico L'Indro è un quotidiano registrato al Tribunale di Torino, n° 11 del 02.03.2012, edito da L'Indro S.r.l.
Copyright L'Indro S.r.l. Tutti i diritti riservati

Source: http://www.federaisf.it/pdf/Big%20Pharma%20e%20il%20lobbying%20farmaceutico.pdf

Microsoft word - ginseng culturenew.doc

SOUTHERN EXPOSURE SEED EXCHANGE ® P.O. Box 460, Mineral, VA 23117 Phone: (540) 894-9480 Fax: (540) 894-9481 GINSENG CULTURE Checking Soil Requirements Ginseng requires a well-drained soil, which means a steep to moderate slope. Too much standing water will generate diseases and cause the roots to rot. Creating terraces by taking downed lumber and putting it on the up-hill side

volte-tel.gr

10/10/2013 COMPANY PROFILE The company "Miliopoulos Dimitrios & SIA O.E." with the discreet title VOLTE-TEL Communications is active in the mobile telephony market since 1999. It provides products and services allover Greece exclusively in wholesale level and it is active till today in 5 sections: Mobile telephony: Main object is the import and trade of mobile access

Copyright © 2010-2014 Medical Articles