Bardzo tanie apteki z dostawą w całej Polsce kupic viagra i ogromny wybór pigułek.

Lorenzolotto.info

a cura di Edoardo Ceriani e Raffaele Foglia - [email protected]
Sonni e sogni tranquilli
Il luogo è Casasolana
La Pala del Lotto,dalle Scuderie del Quirinale al Museo civico Una di quelle case che, in tanti, sognerebbero di ave-re come propria. Una di quelle ospitalità che, tutti, de-sidererebbero trovare in vacanza. Che si tratti di una (g. col.) Un evento, artistico ma non solo, eccezionale. Per tutto il me-
ta. Questo evento, organizzato dal Comune di Asolo in collaborazione
notte, che si voglia stare qualche giorno in più. Casa- se di luglio la Pala di Lorenzo Lotto “Apparizione della Vergine ai san-
con la Diocesi di Treviso e la Sovrintendenza, servirà ad ammirare i
solana (via Sottocastello 18, tel. 0423.55754) ad Aso- ti Antonio abate e Ludovico da Tolosa” potrà essere ammirata al Mu-
dettagli più minuziosi con cui il genio del ‘500 la volle dipingere per
lo è atmosfera pura. Merito della titolare, Stefania seo Civico di Asolo. Dopo aver lasciato la sua secolare sede nel duo-
la confraternita dei Battuti, di cui la Regina Caterina Cornaro (Regina
Stangherlin Zanoni, e del marito che - con l’aiuto di mo di Santa Maria Assunta, dalla cui posizione elevata dominava i fe-
di Cipro, Armenia e Gerusalemme e Signora di Asolo), era solerte me-
una figlia infaticabile - gestiscono splendidamente deli, la Pala di Lorenzo Lotto è stata sottoposta ad un accurato restau-
cenate. Si vedono nitidamente l’antico maglio di Pagnano (officina fab-
questo tipico casale veneto dell’Ottocento immerso ro per essere esposta sino al 12 giugno alle Scuderie del Quirinale, pri-
brile tutt’oggi visitabile) e le colline su cui in alto sorge una città col
nel verde di un parco di settemila metri quadri.
ma opera della mostra “Lorenzo Lotto”. La Pala ritorna ora ad Asolo e
suo castello, ovvero Asolo. La Pala del Lotto è visitabile dal 1° al 31 lu-
Tre stanze, ampie e godibilissime. Spazi comuni aper- prima di essere ricollocata, il 2 ottobre, all’interno della cattedrale, vie-
glio al Museo civico di Asolo con i seguenti orari: venerdì-sabato-
ti, di una pulizia e di una cura che, talvolta, non si tro- ne data la possibilità ai cittadini e ai turisti di poterla ammirare da vi-
domenica 10-12/ 16-20 (per informazioni: BellAsolo - Tourist Services
vano nei più affermati hotel, una cortesia come poche cino, come mai è stato possibile nei 500 anni da quando è stata dipin-
in Veneto 0423 565478, www.bellasolo.it [email protected]).
e una superba prima colazione fanno di questo b&b ilposto ideale per un soggiorno nelle meraviglie di Aso-lo, perché la struttura non ha nulla da invidiare ai piùtitolati alberghi della zona. La coppia alla guida è af- Asolo, la gioia d’un "cicchetto" fiatata e cortese, per un feeling che fa persino tene- rezza: i titolari hanno deciso - dopo una vita spesa traMilano (lavoravano in due aziende farmaceutiche dif-ferenti), Vienna (dove avevano una gelateria) e Asolo(dove hanno gestito un bar del centro storico) - di de- tra le meraviglie di una perla dicare le tre stanze al piano superiore della casa in cui tuttora vivono (altro bel vantaggio) ad altrettante don-ne che hanno fatto la storia della città trevigiana: Ca-terina Cornaro - regina di Cipro, Armenia e Gerusa-lemme -, Eleonora Duse - la divina del teatro interna-zionale che ha scelto Asolo come sua ultima dimora Paesaggi inimitabili, storia, cultura e tradizione: nel bel mezzo della ric- Se Asolo è storia (e che storia, le prime tracce - e Freya Stark - scrittrice e fotografa inglese che og- ca Marca trevigiana e nelle terre di Prosecco e Cartizze c’è una città che risalgono all’epoca preistorica), Asolo è anche gi riposa poco distante da Eleonora Duse.
è soprattutto piacere. Partendo da quella vo- Soggiornare a Casasolana, allora, diventa un piacere, regala grandi emozioni e tante opportunità, dalla cucina al buon vivere glia di passeggiare (o "asolare" come dicono da in un ambiente che profuma di storia e tradizione e in queste parti) lungo le direttrici del centro per una location che ha un altro grande pregio: quello, poi approdare all’eccellenza della buona tavo- cioè, di trovarsi a 800 metri dal centro della città (quin- Nessun luogo è lontano. Il capolavoro let- Stark (1893-1993), che oggi riposa poco distan- la. L’olio, che qui costituisce una vera e pro- di facilmente raggiungibile a piedi, malgrado la non terario di Richard Bach è diventato anche il te dalla Duse e che, scrittrice e fotografa, in vi- pria chicca vista la produzione limitata, ma di troppo dolce salita) e a un tiro di schioppo dalla fer- motto di una delle aziende asolane doc, il cal- ta ha portato nel Trevigiano il suo spirito av- eccellente livello, il miele, i prodotti della mal- mata della navetta che porta su e giù dalla piazza.
zaturificio di qualità Scarpa, uno di quei mar- venturoso, intraprendente e coraggioso.
La zona - collinare e nel bel mezzo del bosco - aiuta, chi più che mai spendibili nel mondo. Come Ma Asolo, anche adesso, pulsa. E non sono po- e i vini doc Montello e Colli Asolani: il massi- e non poco, a conciliare il riposo con le bellezze del lo era, un tempo, la Brionvega (chi non cono- che le manifestazioni in grado di richiamare mo, e ascoltate chi ci è passato, è gustarli se- sce uno degli elettrodomestici ora diventato tanta gente lungo quelle straordinarie salite guendo i profumi che portano diritto nelle oste- oggetto di modernariato?) e come lo è adesso che, da più punti, portano al centro storico e rie e nei caffé, dove è possibile concedersi un la Selle Italia, industria leader nell’universo alla Rocca, al Museo e all’acquedotto romano tradizionale "cicchetto" accompagnato dal me- della bicicletta. Nessun luogo è lontano, dun- La Bot, al Castello e alla Cattedrale, per un per- glio della produzione locale. Troverete sempre que. Tanto meno Asolo, la perla della Marca, corso che nasconde sorprese dietro ogni ango- una porta aperta, una bottiglia di bollicine lo- ovvero la provincia di Treviso. Un capolavoro lo. Non ultime tutte quelle ville e quelle resi- cali e un tagliere con salumi e formaggi. E a incastonato nel bel mezzo di dolci colline. Uno denze che s’incontrano - si vedono e non ve- quel punto capirete, una volta di più, in qua- di quei posti che andrebbero visitati, anche per- dono nascoste da una rigogliosa vegetazione le posto siete fortunatamente capitati.
ché scrigno di storia, arte, cultura ed enogastro- Edoardo Ceriani
nomia.
La via più facile è quella che arriva dall’auto-strada: a Vicenza Est, lasciando la direttrice che Gerry, tanto. Monfumo
porta a Venezia, si gira verso la Valdastico, peruscire, dopo un breve tratto, a Vicenza Nord.
e (ancor di più) arrosto
Da lì, una quarantina di chilometri su stradacomunque a percorrenza veloce, attraversan- (e. cer.) Non è un caso che, a segnalarlo, siano tutte le do quello che una volta era il ricco Nord Est migliori guide, nessuna esclusa. Da Gerry, locanda e ri- e che anche oggi, malgrado i morsi della cri- storante a Monfumo (via Chiesa 6, tel. 0423 545082), è si, continua a essere uno dei motori d’Italia. Da - e con pieno merito - uno dei locali più eleganti e apprez- una provincia all’altra, una volta entrati nel zati della provincia di Treviso. Perché, mai perdendo di Trevigiano, Asolo è proprio a un tiro di schiop- vista le materie prime del territorio, ha avuto la felice in- po. Ed è posizionata in un luogo strategico. Per- tuizione di rivisitare elegantemente i piatti della tradizio- ché, a un niente, ha le bellezze di Treviso e ne, strizzando l’occhiolino alle innovazioni, che gli chef quelle di Castelfranco Veneto. O, giusto se ci portano in tavola con maestria. A regalare emozioni, poi, si vuole orientare in altra direzione, Bassano ci pensano i prodotti della stagionalità: dagli asparagi al- del Grappa, Marostica o i vigneti della Valdob- la selvaggina, dai formaggi ai fichi. Senza dimenticarsi biadene, dove Prosecco e Cartizze sono i vini del mondo - in senso lato - che sta attorno, perché Da che fanno la parte del leone. Il massimo, in- Gerry - e molto bene - si possono mangiare carne e pe- somma, per chi volesse una vacanza a tutto sce, con sorprendenti rivelazioni quando si pensa a co- tondo, anche perché il mare di Jesolo o la mon- me il cuoco sa usare il famoso Patanegra o come, splen- tagna dell’altopiano di Asiago sono pratica- didamente, un fiore di zucca possa riempirsi di crostacei. mente equidistanti, a una cinquantina di mi- A far da contorno, una cantina che rappresenta l’auten- tico fiore all’occhiello: ben settecento etichette di vini tra Ma Asolo è Asolo. Non c’è storia. Troppo bel- italiani e stranieri. Con una clamorosa sorpresa, nel gior- la. Troppo invitante. Troppo culturale. Troppo no in cui siamo andati a cena in questa meraviglia nel- di gusto. Troppo di tutto. Perché, e non ve lo le colline sopra Asolo (che dista 5 chilometri, mentre Tre- diranno soltanto gli asolani, si può davvero tro- viso è a 40): abbiamo infatti trovato (e già che c’erava- vare di tutto. A cominciare dalla bella gente, mo assaggiato) un bianco e un rosso della Valtellina. E che gira tra le vie della città, oggi come un tem- sono, rispettivamente, il Ghibellino 2011 della cantina po. Come quando cioè - giusto per proporre Rainoldi di Chiuro e l’Ortensio Lando 2007 di Luca Facci- qualche esempio per sottolineare come il cen- nelli di Sondrio. Bottiglie che reggono tranquillamente il tro abbia potuto costituire un palcoscenico idea- confronto in una terra in grado di regalare grandi Prosec- le di eventi unici - furono in particolare tre don- ne a fare la fortuna della cittadina. A comin- Impossibile, a questo punto, dimenticare la locanda (chi ciare da Caterina Cornaro (1454-1510), signo- ci va in vacanza potrebbe prendere in seria considerazio- ra di Asolo, regina di Cipro, Armenia e Geru- ne anche l’abbinata, che servirebbe a ovviare a eventua- salemme, cresciuta con il mito dell’Oriente ed li problemi di controlli per la patente.). Da Gerry dispo- educata ad essere regnante: alla fine del ’400 ne di cinque camere complete di ogni comfort e alle stan- trasforma il suo esilio asolano in una sfarzosa ze è possibile ammirare un panorama di straordinaria corte rinascimentale, cenacolo di artisti e in- bellezza sulle colline. Satellitare o no, per arrivarci bi- tellettuali. Per arrivare, poi, a Eleonora Duse sogna percorrere la feltrina sino a superare la città di (1858-1924): irrimediabilmente affascinata dal- Montebelluna, quindi proseguire per Valdobbiadene e la città, fissa ad Asolo («paesetto di merletti e poi svoltare in direzione di Maser. Da qui, in pochi chilo- di poesia») il suo "buen retiro", dove riposare metri, si potrà raggiungere il ristorante in centro a Mon- tra uno spettacolo e l’altro. Senza dimenticar- DAL BASSO Una spettacolare panoramica di Asolo si, pur tuttavia, della terza donna, ovvero Freya

Source: http://www.lorenzolotto.info/media//rassegna_stampa/2011_06_19_La_Provincia_-_ed._Lecco.pdf

Guidelines for metabolic monitoring

GUIDELINES FOR METABOLIC MONITORING Metabolic Monitoring Tool incorporates recommendations from various guidelines and consensus statements regarding the assessment and ongoing monitoring for metabolic syndrome in patients receiving antipsychotic medications. It is recommended that the Metabolic Monitoring Tool be filled in whenever a client is started on an atypical antipsychotic. A ne

Microsoft word - abstracts of poster presentations at the ddt.doc

Abstracts of poster presentations at the DDT World Congress 1) Toxicogenomics in Flutamide-treated Rats and Chimeric PXB-mice with highly humanized liver Chimeric PXB-mouse with highly humanized liver is a unique animal model to mimic human-type drug metabolism. This animal model has the potential to explain the difference of drug-induced hepatotoxicity in rodents and humans. Flutamid

Copyright © 2010-2014 Medical Articles