Bardzo tanie apteki z dostawą w całej Polsce kupic levitra i ogromny wybór pigułek.

Verb-09-1-gheno.dvi

Verbum Analecta Neolatina XI/1, pp. 167–187 Italiano, Lingue Europee, Lingue Orientali (CLIEO) Abstract: This paper first presents some facts about the cultural background of young Italian
people, showing subsequently a selection of the well-established characters of spoken and
written juvenile Italian. Then it moves over to discuss the technological situation of Italy, also
presenting a choice of widely recognized peculiarities of the language of Italian Computer-
Mediated Communication (CMC) and showing that many of them are linked to a juvenile
linguistic background. The paper then discusses the influence that computers and computer-
mediated knowledge might have on the juvenile cultural world, presenting also some opin-
ions about these two types of language (juvenile language and CMC), considered by some
as marginal or even dangerous for the “integrity” of the Italian language. Regarding this is-
sue, the author states — recalling a well-established scientific tradition — that the most mature
behavior would be to consider every variety of Italian — even the humblest — as equally rele-
vant and linguistically interesting, although it is pivotal to use it in the right way and in the
correct context.
Keywords: sociolinguistics, juvenile language, computer-mediated communication, computer-
mediated knowledge, Italian
Può apparire insolito iniziare un saggio con una serie di avvertenze, ma lamateria trattata lo rende a mio avviso necessario: i due argomenti di questostudio, la lingua dei giovani (che d’ora in poi chiamerò LG) e la lingua della Questo testo è stato presentato in una sua prima stesura durante un Forum intitolato Nuovi Linguaggi Nuova Alfabetizzazione, tenutosi a Siena il 27 marzo 2009, organizzato dalDistretto 209 dell’International Inner Wheel.
comunicazione mediata dal computer (in breve CMC) sono difficilmenteimmobilizzabili sul “vetrino” del linguista, per cui le mie riflessioni avrannosolo la pretesa di fotografare un momento linguistico ben preciso.
1. I giovani e il loro background culturale
Partiamo dalla LG. Il primo problema nasce nel tentativo di delimitare lecaratteristiche della fascia demografica alla quale attribuire i suoi fenomeni.
Il gruppo dei “giovani” è estremamente disomogeneo,1 non solo da un pun-to di vista culturale ma anche anagrafico:2 per esempio, in Italia, nel corsodegli ultimi decenni, l’età in cui in genere i figli lasciano la casa dei genito-ri si è spostata molto in avanti. Questo comporta che, anche quando da unpunto di vista strettamente anagrafico non ci si potrebbe più definire giova-ni, sussistano alcuni comportamenti, anche linguistici, tipici di un’età menoavanzata.3 Ai fini di questo studio potremmo quindi includere senza alcunaforzatura in questa definizione persone dai 12–14 ai 30–35 anni.
In secondo luogo, i soggetti che considererò fanno parte dell’élite del mondo giovanile, almeno in senso teorico, con disponibilità di mezzi sia tec-nologici che linguistici; non rappresentano quindi la maggioranza dei gio-vani in Italia. Non è infatti possibile ignorare i problemi posti dal divariodigitale, anzi, dai vari tipi di divario digitale (economico, sociale, anagrafi-co, mentale), che distinguono non solo tra paesi avanzati e paesi in via disviluppo, ma che creano anche segmentazioni all’interno dello stesso paese,tra città e campagna e tra persone a scolarizzazione linguistica e tecnologicapiù o meno avanzata.
Vorrei innanzitutto presentare alcuni fatti riguardanti le abitudini lin- guistiche dei giovani italiani: è dato noto—da rapporti statistici quali quelliannuali del Censis4—che essi leggono tutto sommato poco,5 anche se più 1 Lo nota recentemente anche Vernaleone (2008 : 173).
2 Cfr. Pistolesi (2005 : 252): “Lo studio del LG incontra, come osserva Lorenzo Cove- ri (1993), notevoli difficoltà di datazione, localizzazione, definizione sociolinguistica deiparlanti e nell’ambito d’uso dei termini”.
3 Banfi (1994 : 153) scrive: “il cammino delle giovani generazioni alla ricerca di sé, della propria identità, della propria collocazione adulta, è più lento e più articolato di quantofosse in passato. Si diventa adulti, oggi, in tempi più dilatati”.
4 Cfr. Censis (2008) in bibliografia.
5 Per un’analisi più approfondita dei dati sulla lettura giovanile rimando a Sobrero (2008 : i giovani e la comunicazione mediata dal computer dei loro genitori.6 La fonte primaria di informazioni rimane la televisio-ne—in flessione quella tradizionale a favore della televisione satellitare— ;le esperienze di lettura arrivano a più di tre libri l’anno per il 62% dei gio-vani, limitandosi a un libro l’anno per un altro 12% e a neanche uno per ilrestante 26%. Poiché la capacità di comunicare è notoriamente influenzatadalla fruizione passiva di lingua (scritta e parlata), è chiaro che questi dati sirispecchiano nel modo di scrivere e parlare dei giovani italiani: non a casospesso viene loro imputato di dimostrare scarsa mobilità tra registri lingui-stici, ovvero difficoltà a scegliere la varietà di lingua richiesta dal contestosituazionale,7 al punto che il linguista Raffaele Simone descrive la lingua deigiovani come una varietà che ha la pretesa di essere passepartout, ritenutaa torto adatta a ogni situazione comunicativa, destandardizzata, che rifiutaconsapevolmente la norma—vista, quest’ultima, come qualcosa di vetusto elontano dalla realtà linguistica e culturale dei giovani,8 mentre Alberto So-brero argomenta: “quando si fa notare a un ragazzo che menare le mani nonè un’espressione adatta a un articolo di giornale o a un verbale di polizia, lasua reazione—se non è di compunzione servile— è di sincero stupore. Perlui—o lei—si dice e si scrive “menare le mani”: sempre, dovunque e conchiunque”.9 Quello che sembra, inoltre, mancare a molti giovani, è la curiosi-tà di espandere i propri orizzonti linguistici, oppure la scarsa consapevolezzadell’importanza di una buona formazione linguistica.10 L’abbondanza di informazioni disponibili al singolo grazie ai nuovi me- dia, soprattutto Internet, provoca potenzialmente ulteriori problemi cogni-tivi. La Rete è un mezzo di comunicazione che richiede una partecipazioneattiva da parte dell’utente: le informazioni non sono presentate in maniera 6 Cfr. Corriere (2008).
7 Più in generale De Mauro (2006 : xxx) nota: “Il grado di possesso degli strumenti lingui- stici formali potenzialmente disponibili per una persona segna non solo il grado della suamobilità entro lo spazio linguistico, ma al tempo stesso il grado di mobilità entro lo spazioculturale in cui le è dato di collocarsi.” 8 Simone (2005).
9 Sobrero (2003 : 273).
10 Del resto, la “cultura della noia e del rifiuto” viene riconosciuta da Gargiulo (2004) come una delle caratteristiche in diacronia delle subculture giovanili. La mia esperienza diretta constudenti universitari, soprattutto tramite il Laboratorio di Italiano Scritto per gli studenti delcorso di laurea in Comunicazione Linguistica e Multimediale presso l’Università di Firenze,mi porta alle stesse conclusioni: ho notato in alcuni degli allievi che ho incontrato scarsointeresse a comprendere i propri errori e a migliorarsi da un punto di vista linguistico. Ilproblema di non riuscire a parlare o scrivere bene viene insomma apparentemente spessosottovalutato perfino dagli studenti delle facoltà umanistiche.
predefinita da altri, né dal punto di vista della selezione né da quello del-l’ordine. Ora più che mai il fruitore dei nuovi media deve orientarsi in ma-niera autonoma in questo mare magnum di dati, discernendo, proprio gra-zie a una precedente preparazione linguistica e culturale, tra le fonti validee quelle non attendibili. Poiché molti—soprattutto giovani—trovano diffi-coltà nel realizzare questi processi di discernimento, la sovrabbondanza diinformazioni tende a provocare un tipo di conoscenza “in pillole”, un sape-re parcellizzato, all’interno del quale uno dei problemi maggiori appare larealizzazione dei collegamenti interdisciplinari, la mancanza di una visioneculturale d’insieme.11 1.1. Caratteristiche della produzione linguistica giovanile
Da un punto di vista strettamente linguistico, le stratificazioni rintracciatenel (o nei)12 LG sono oggi in gran parte le stesse elencate già negli anni’90 del secolo scorso in vari studi sull’argomento. Mi rifarò qui a una listastilata da Alberto Sobrero (1992) e ripresa da Michele Cortelazzo (1994),13che contiene le voci seguenti: 1. “una base di italiano colloquiale informale, scherzoso”, come ragione- volmente ci si aspetterebbe, visto che la maggior parte delle interazionitra giovani è di formalità medio-bassa; 2. “uno strato dialettale”, sulla cui reale consistenza farò alcuni accenni 3. “uno strato gergale ‘tradizionale’ ”, vale a dire elementi linguistici tipi- ci dei gerghi tradizionali che passano per varie ragioni nel LG; 4. “uno strato gergale ‘innovante’ (spesso effimero)”, cioè una gran quan- tità di termini ed espressioni ispirate dal mondo circostante che solita-mente sono di breve durata;14 11 Cfr. Gineprini & Guastavigna (2003).
12 In questo studio si parla genericamente di linguaggio giovanile, pur avendo presente che sarebbe più corretto parlare di linguaggi giovanili, al plurale, vista la difficoltà a ridurre a unavarietà con caratteristiche univoche la complessa galassia dei mille modi di comunicare daparte dei giovani.
13 Cfr. Cortelazzo (1994 : 292–293). Lo stesso elenco è stato ripreso recentemente da Vanini (2008 : 355), confermandone la validità.
14 Una varietà particolarmente interessante di gergo all’intersezione tra LG e CMC è il Leet i giovani e la comunicazione mediata dal computer 5. “uno strato proveniente dalla lingua della pubblicità e dei mass-media”, imprescindibile se si considera l’influsso che i mezzi di comunicazionedi massa hanno nel definire la cultura dei giovani;15 6. “uno strato costituito da inserti di lingue straniere (particolarmente inglese, ma anche spagnolo)”; il primo per l’evidente influenza dellacultura angloamericana sul mondo dei giovani, il secondo per la suavicinanza strutturale all’italiano, che permette incroci linguistici lu-dici;16 talvolta si rinvengono anche tracce di altre lingue, ad esempioquelle conosciute perché apprese a scuola, come il latino (o più spessoil latinorum).
La varietà di influssi nel LG dà origine a un ventaglio altrettanto ampio difenomeni linguistici. In primo luogo, il LG si caratterizza per la sua tenden-za alla brevità: sigle, troncamenti e contrazioni lessicali sono numerosissimi,dall’arcinoto TVB con le sue innumerevoli varianti TVUMDB, TVTTB17 ecc.,a prof, cello, cisi:18 questa caratteristica del LG è documentata da molti anni19 eviene spesso richiamata come una delle particolarità dei vari tipi di comuni-cazione mediata dal computer, questione che verrà trattata più avanti. È benconosciuta anche la spiccata tendenza alla coprolalia del LG, che del resto siritrova anche nel parlato semi-spontaneo o spontaneo di molti programmi Speak, un particolare gergo telematico in cui molte lettere vengono sostituite da numeri perrendere indecifrabile la comunicazione agli occhi di chi non conosce tale codice. Il nomestesso di questo fenomeno viene in questo modo trascritto come _337 5p33k. Sul tema cfr.
Gagliardi (2005).
15 Cfr. Nowottnik (1993 : 163): “Al giorno d’oggi i mass media intesi come ‘canali di comu- nicazione’ contribuiscono in modo decisivo alla formazione e alla conservazione di questogruppo — forse da denominare virtuale —‘gioventù’: in tutto il mondo i giovani possono di-ventare, per così dire, membri della ‘gioventù’ attraverso il consumo di merci e dei prodottidei mass media. Così anche il singolo individuo ha la possibilità di partecipare agli stili diun gruppo, perché i mass media costituiscono una rete di relazioni astratta senza un contattosociale diretto”.
16 Secondo Edgar Radtke (1992 : 27) “il prestito da una lingua affine, come è il caso, reci- procamente, dell’italiano e dello spagnolo, potenzia la dimensione ludica: lo spagnolo as-sume per gli italofoni quasi per forza la qualità di ‘effetto deformante’ dello standard e, diconseguenza, veicola effetti umoristici”.
17 Rispettivamente ‘ti voglio un monte di bene’ e ‘ti voglio tanto tanto bene’, abbreviazioni a tutti note dalle varie e peculiari superfici scrittorie che i giovani usano da molto tempo,quali zaini, agende (come la famosa Smemoranda) e perfino i muri. Su questo argomentocfr. anche Coveri (1991).
18 ‘Professore’, ‘cellulare’, ‘ci si (vede)’.
19 Cfr. Il Nuovo (2001).
televisivi, quali per esempio i reality show.20 Il LG è poi fitto di diminutivi evezzeggiativi (si parla di vespino per indicare il noto mezzo a due ruote, op-pure di celly per ‘cellulare’), che danno vita a una lingua sentimentalmentenon neutra: si pensi, ancora, all’uso molto comune a scuola, soprattutto traragazze, di troncare i nomi delle compagne o di “anglicizzarli” con una y fi-nale: Vale per Valentina, Lety per Letizia, Isy per Isabella ecc. Sono numerosianche gli influssi dialettali e stranieri. Non mi soffermerò qui sull’argomentodegli anglismi, già ampiamente trattato in altre sedi;21 mentre per quel cheriguarda la diatopia, accanto a un preciso recupero del proprio dialetto a sco-po espressivo,22 come segno distintivo di appartenenza a un certo gruppo,23si rinvengono anche tracce di altri dialetti, spesso stereotipati, ridotti a unaripetizione di elementi fissi usati con scarsa consapevolezza linguistica.24 Suquesti usi, come notato in precedenza, influiscono in maniera determinan-te i mezzi di comunicazione di massa25 e i vezzi linguistici dei personaggipubblici; pensiamo, per esempio, a Luciana Littizzetto e al balengo da lei ri-messo in circolazione, come era capitato anni fa al besugo del Gabibbo, altormentone pulp, molto pulp, pure troppo di Thomas Prostata, personaggiocreato all’interno della trasmissione Mai Dire Gol da Bebo Storti o ancora,ai tic linguistici dei personaggi inventati da Corrado Guzzanti (Quèlo, Rok-ko Smitherson, Vulvia, i Fascisti su Marte per citarne solo alcuni),26 subito 20 Questa caratteristica dei mass media appare purtroppo sempre più soverchiante, destan- do le preoccupazioni di chi ritiene ancora che la televisione, per la sua pervasività e invasività,dovrebbe avere un ruolo educativo. Cfr. Corriere (2009).
21 Sulla dimensione internazionale del LG cfr. ad es. Radtke (1992).
22 Sull’argomento rimando a Cortelazzo (1995).
23 Per esempio, in Toscana si possono incontrare forme verbali diatopicamente marcate come andiede o andonno all’interno di un discorso non in dialetto.
24 Va comunque ricordato che la presenza del dialetto nei LG è registrata da molto tempo come elemento caratterizzante. Sull’argomento cfr. le osservazioni di Cortelazzo (1995).
25 Così per esempio Gargiulo (2008 : 192–193): “La lingua dei mezzi di comunicazione di massa risulta essere un potente riferimento per la lingue dei giovani, rappresentando lo spec-chio e il modello della comunicazione giovanile, attivando un processo di osmosi continuache investe poi altri campi generazionali”.
26 Tutti i personaggi citati hanno dato origine a plastismi linguistici di grandissima popo- larità, seppur temporanea, soprattutto nel parlato giovanile: Quèlo era la misteriosa divinitàa cui il guru interpretato da Guzzanti si rivolgeva; il regista Rokko Smitherson disquisiva difilm de paura; Vulvia, caricatura della procace presentatrice televisiva, citava spesso la parolaimbuti, pronunciata /mbuti/; le gag dei Fascisti su Marte, tra i quali Guzzanti interpreta ilgerarca Barbagli, riprendevano lo stile dei cinegiornali del ventennio, utilizzando una linguafortemente connotata in diacronia.
i giovani e la comunicazione mediata dal computer fatti propri, e altrettanto velocemente abbandonati, dai giovani.27 La morfo-sintassi del LG è semplificata, seguendo e amplificando le tendenze genera-li dell’italiano neostandard:28 uso di pochi tempi e modi verbali, strutturefrasali semplici, scarsa subordinazione, polarizzazione del lessico su terminigenerici come cosa o fare.
Un’altra caratteristica spesso imputata al LG scritto ma diffusa più am- piamente è la presenza di errori o inesattezze ortografiche come pò, qual’è,guadagnamo; altrettanto comuni sono nel LG parlato le pronunce e accenta-zioni poco corrette; il dato forse più interessante non è tanto la presenza diquesti elementi, quanto il fatto che la maggior parte dei giovani li consideridi scarsa rilevanza, poiché, di fatto, non compromettono la trasmissione delmessaggio: ortografia e pronuncia, insomma, considerati quasi come un ac-cidente.29 Specificamente riguardo agli studenti universitari va aggiunto chealcuni di loro dimostrano di possedere un lessico limitato—riconducibile,del resto, alla scarsità di esperienze di lettura—che si evince dalla difficoltàdimostrata nel comprendere parole percepite come difficili: un esperimentoall’università— tra l’altro in varie facoltà umanistiche—da me svolto, ispi-rato al questionario somministrato a un campione di studenti toscani daNeri Binazzi, Mara Marzullo e Raffaella Setti nel 2006,30 ha mostrato comeuna nutrita percentuale di ragazzi, attorno al 40%, non conoscesse l’esatto si-gnificato di termini come reazionario, spiegato come ‘rivoluzionario’, oppurecattività, ricondotto erroneamente a ‘cattiveria’.31 27 È entrato nel lessico giovanile un po’ ovunque in Italia anche Mi consénta, pronunciato “alla milanese”, reso popolare dall’uso reiterato nel parlato di Silvio Berlusconi.
28 Sull’italiano neostandard rimando a Sabatini (1985) e (1990), Berruto (1987) e Coveri et 29 Per verificare la presenza di tali inesattezze ortografiche si invita a leggere i testi dei mes- saggi inviati via SMS alle trasmissioni televisive, che vengono spesso proiettati sullo schermotelevisivo in sovraimpressione alle immagini. D’altro canto, persino tra studenti universitari siincontrano molti che affermano di non essersi mai accorti dell’esistenza di due accenti diversi,acuto e grave. Interessante infine il caso di in luogo di po’, usato da molti perché inserito co-me prima scelta nel dizionario T9 di molti cellulari in circolazione. Sull’argomento cfr. Biffi(in stampa). Sobrero (2003 : 273), considerando la noncuranza che molti giovani dimostranonei confronti della lingua, scrive: “va da sé che [. . .] le convenzioni grafiche sono accidentiirrilevanti [. . .]. Quelli che nei primi anni delle elementari erano peccati mortali, che susci-tavano derisione e autorizzavano l’uso di epiteti infamanti, sono oggi vissuti dalla maggiorparte degli studenti universitari come peccati veniali, graziosi tic che consentono di sorride-re di un testo per il resto troppo serio e noioso. È così che una varietà non-standard basatasul parlato conquista spazi via via crescenti non solo nell’uso ma anche nella legittimazioneall’uso”.
31 Altre “stravaganze” linguistiche da me verificate in uso tra i giovani universitari inclu- dono sine die /sain dai/ (come documentato da Grasso 1994) e abside pronunciati sain dai e 2. Gli italiani e la tecnologia: alcuni dati
Spostandoci sul secondo aspetto di questo studio, ovvero la rilevanza dellenuove tecnologie nel campo della conoscenza giovanile, va sicuramente con-siderato quello che sembra essere in generale il rapporto degli italiani conl’innovazione tecnologica. Statistiche del 2008 indicano che la penetrazionedei cellulari nel nostro paese è al 152%:32 in pratica, esiste una SIM33 e mezzaper ogni persona.34 Mentre siamo ai primi posti in Europa—“medaglia d’o-ro”, secondo la definizione di molti commentatori—nell’uso del telefonino,l’Italia è al terz’ultimo posto per l’uso di Internet, precedendo solo Bulgariae Romania.35 Non si tratta esclusivamente di una carenza infrastrutturale,perché anche dove la tecnologia sarebbe disponibile, essa appare sottousa-ta.36 Gli italiani mostrano una certa ritrosia nell’uso del computer o ancoradi più di Internet; non a caso, il quotidiano britannico The Guardian, in unsuo articolo, ha recentemente definito l’Italia come tecnologicamente slow.37 Apparentemente la tecnologia, nel nostro paese, viene vista spesso più come uno status symbol che una conoscenza di reale importanza. Per fare unesempio, molti acquistano il cellulare di grido esclusivamente per una que- absaid /absaid/ (anche in D’Orrico 2008) come termini inglesi, come se fosse l’unica linguastraniera esistente al mondo. Non manca neanche la par condicio pronunciata /par condiscion/e iter che diventa /aiter/.
32 Il dato è contenuto nel Rapporto annuale della Commissione europea sullo stato delle comunicazioni elettroniche nell’Unione (2008) e ripreso con commenti di vario tenore dauna grande quantità di articoli. Cfr. anche i rapporti Censis (2008) ed Eurostat (2008) inbibliografia.
33 Sigla di Subscriber’s Identity Module.
34 Questo dato non documenta chiaramente l’effettivo uso del cellulare ma solo la quantità di memorie, ovvero di numeri di telefono, in circolazione.
35 Cfr. ancora Eurostat (2008).
36 Per dati più completi sull’argomento rinvio a OPCD (2007) in bibliografia.
37 “Where in the world does the average citizen spend just two hours a week online? An isolated backwater, perhaps? Or maybe netizen figures from a far-off land trapped in a timebubble of its own desiring? Well, close. This bastion of digital indifference is Italy [. . .]. Somethink this technophobia is a good thing, preserving the Italy of laid-back ‘click with friendsand family, not a mouse’ yore [. . .]. Others feel it has put the country at a huge disadvantage,flinging it far over the wrong side of the digital divide where Italy will, in economic termsat least, continue to languish as the ageing, increasingly impoverished sick man of Europe.
And if moribund economies are measured by a lack of IT skills, high-speed connections ande-commerce, then Italy is very sick indeed. [. . .] Interestingly, what that survey suggests is thatalthough there is more internet connectivity than ever in Italy, residents are actually spurningthe net”.
i giovani e la comunicazione mediata dal computer stione di stile, non per una reale necessità. Tra i giovani, che tradizionalmen-te sono il gruppo trainante nell’impiego delle nuove tecnologie,38 possedereun cellulare è considerato una necessità assoluta,39 mentre saper usare beneil computer meno importante.40 La maggioranza usa, certo, il PC,41 ma spes-so in maniera relativamente acritica: i ragazzi sanno impiegare sistemi per ildownload della musica o dei film, usano la messaggistica istantanea, alcunisono utenti accaniti dei MMORPG,42 i giochi di ruolo in rete; e ancora, usa-no l’e-mail, frequentano i siti di social networking quali Facebook o Myspa-ce; molti tengono un blog, ma nonostante l’apparente poliedricità di questiinteressi informatici, di rado si va oltre una conoscenza molto superficiale,che non permette quindi all’utente di gestire autonomamente anche il piùpiccolo dei contrattempi, nell’errata convinzione che gli apparati tecnologiciche ci circondano non abbiano bisogno di manutenzione. Un’altra dimostra-zione di questo atteggiamento è la difficoltà nell’adattarsi ai cambiamenti,che sono intrinseci al mondo dell’informatica, come l’introduzione di nuo-ve versioni di un sistema operativo o i restyling dell’interfaccia di popolarisiti.43 Raramente si è interessati a vedere “cosa c’è dietro”, come funzionanole cose. I giovani d’oggi, del resto, sono già nati con Internet, e consideranospesso il computer alla stregua di qualsiasi altro elettrodomestico.
38 Cfr. Lévy (1999 : 119).
39 Secondo le statistiche già menzionate, nel 2008 il 97% dei ragazzi possiede un cellulare.
40 Non a caso Elena Pistolesi scriveva, a proposito del rapporto dei giovani con il word processing al computer: “La maggior parte dei giovani intervistati usa il computer come unamacchina da scrivere, per ricopiare testi prodotti con carta e penna, da qui il senso di ini-bizione verso il video che presenta la scrittura in una veste definitiva.” (2003 : 434). Adesso,il rapporto con il PC è sicuramente cambiato molto; ciò non toglie che spesso gli scritti alcomputer dei giovani studenti universitari rivelino una serie di caratteristiche che dimostra-no come la consapevolezza delle possibilità offerte dal word processor sia tutt’ora limitata.
Cito solo alcuni esempi di questo: le tabulazioni realizzate digitando più spazi di fila; il som-mario inserito a mano, quando il WP dà la possibilità, attraverso l’uso dei fogli di stile, dicrearlo automaticamente; l’inserimento sempre manuale di numeri di pagina e didascalie,tutti elementi per i quali il WP prevede funzioni apposite, ecc.
41 Non manca una piccola percentuale di giovani, con formazione medioalta, che rinuncia volontariamente alla tecnologia in nome di una specie di luddismo di ritorno: questi si ri-fiutano di usare il cellulare e il computer, oppure insistono nell’impiegare mezzi tecnologiciobsoleti.
42 Acronimo di Massive Multiplayer Online Role Playing Game.
43 Posso citare, come esempio, le vere e proprie sollevazioni popolari che accompagnano ogni minimo cambiamento grafico o organizzativo delle pagine di Facebook.
2.1. Caratteristiche della CMC in Italia
Come per il LG, presento qui alcune caratteristiche del gergo tecnologico44particolarmente evidenti nel materiale da me recentemente analizzato45 eche trovano conferma nella ormai amplissima letteratura sull’argomento.
Sono diffuse tachigrafie,46 come ‘però’, cmq ‘comunque’, nn ‘non’, Liv ‘livello’, 6k ‘6000’, combo ‘combinazione’, usato anche in inglese, a ke lv 6? ‘ache livello sei?’, asd, lol, xd ‘ridere’,47 + ke altro ‘più che altro’, omg ‘oh myGod’,48 perfino sotto forma di intere frasi come Real life > WoW.49 Non è ina-spettato, inoltre, incontrare molti esempi di termini connotati, usati spessoall’interno di un discorso di tono medio: azz, puppa, incasinatissima, fava im-mensa, bambino leso. A parte un nutritissimo gruppo di anglismi settoriali ocomunque propri della comunicazione via web,50 si incontrano anche quimolti esempi di commistione tra lingue e dialetti, come sukare ‘fare schifo’,dall’inglese to suck (talvolta scritto sukkiare o succhiare, ma usato di normanel senso inglese, non italiano), nerdare dal termine inglese nerd che indi-ca solitamente il secchione,51 craftare da ingl. to craft ‘produrre, costruire’, isi,trascrizione “a orecchio” di easy, kikkare da ingl. to kick, sloggarsi costruito sul- 44 Proprio come quando si parla di LG, anche nel caso della CMC occorre fare i conti con un’intrinseca difficoltà a tracciarne le caratteristiche generali: la CMC comprende infattiun’infinità di sottotipi, dalla lingua delle chat a quella delle email, dai blog ai siti di social net-working, dall’instant messaging ai newsgroup. Per ognuno di questi ambiti esistono ormaistudi approfonditi; qui vengono elencate alcune caratteristiche che, con le dovute variazioni,ricompaiono in tutti i tipi di comunicazione telematica, SMS compresi.
45 Gli esempi vengono tutti dal materiale fornitomi da G.B., giovane studente universitario diciannovenne, contenente trascrizioni di conversazioni via MSN Messenger tra lui e i suoiamici.
46 Cfr. anche Cortelazzo (2000).
47 Mentre LOL si spiega come acronimo di laughing out loud (origine tra l’altro che non molti dei ragazzi che pur usano l’acronimo conoscono), e XD rappresenta una “faccina” oemoticon con gli occhi strizzati e la bocca spalancata, ASD è forse il caso più interessanteperché si tratta della combinazione casuale delle prime tre lettere da sinistra della fila centraledella tastiera standard del computer. Non c’è alcun’altra spiegazione nella scelta di questacombinazione di lettere, se non la disposizione dei tasti.
48 Ritengo tra l’altro interessante notare che in inglese viene usata la variante OMFG Oh my f*ing God, in maniera assolutamente non connotata, quasi dimenticando del tutto l’originedavvero “bassa” dell’acronimo.
49 Quest’ultima frase si spiega così: ‘la vita reale è più importante di World of Warcraft’.
World of Warcraft, in breve WoW, è uno dei più popolari MMORPG degli ultimi anni.
50 Per una rassegna sugli anglismi nella CMC rimando a Gheno (2003) e (2006) e relativa 51 In questo contesto, invece, indica chi passa molte ore a giocare a WoW.
i giovani e la comunicazione mediata dal computer l’inglese to log (on) ‘accedere (in questo caso al gioco online)’ con l’aggiuntadell’s privativa; siamo i mejo, ce ribeccamo, divertete con influsso romanesco,porello, riconducibile a toscanismo. Altre caratteristiche del gergo tecnologi-co sono il noto uso della k come nella frase minkia, ke pakko ke sei!,52 e lapresenza di diversi errori o imprecisioni ortografiche53 più o meno gravi: disolito viene dimostrata difficoltà nel distinguere tra accenti gravi e acuti enell’uso degli apostrofi54 come nel caso di xkè ‘perché’ o un’altro; altro trattointeressante è rappresentato dalle trascrizioni non standard di interiezioni eideofoni: mha, bho, bhe, he, eilà55 ecc. Si riscontrano diverse univerbazioniarbitrarie che talvolta registrano anche i raddoppiamenti fonosintattici: qua-lè, giaggià, sisicome noo, non centra niente quello.56 Sono presenti le “faccine”,non solo quelle più conosciute, che possiamo ormai definire classiche, come:–) :–( :–P e simili, ma anche quelle più recenti, identificate come di origineorientale,57 come o_O , –.– , <.<, che sono da “leggere” in orizzontale e indi-cano rispettivamente un viso stralunato con un occhio più aperto dell’altro,un’espressione stanca e una persona che strabuzza gli occhi per la sorpresa.
52 L’uso della k ha una storia che risale ai primi anni ’70 e per la quale rimando a Mara- schio (2003 : 148): “Occorre [. . .] segnalare [. . .] l’uso del k non solo nelle sigle (km, kg, ecc.)ma anche in molte parole con chiaro valore connotativo. Si tratta del cosiddetto k “pub-blicitario” [. . .]. La lettera insolita è usata dunque in questo ambito anche in italiano “perattrarre l’attenzione”, secondo un procedimento seguito in altre lingue (inglese e francese).
E rispondono senza dubbio ad un’esigenza di sottolineatura grafica, con valenza tuttavia inquesto caso fortemente negativa, anche forme come maskio o Amerikano, frequenti sui muridelle nostre città in anni di politicizzazione e femminismo accesi”. Berruto (2005 : 146) invecescrive: “Il caso del k per rendere l’occlusiva velare sorda [. . .] rientra invece in una trafila piùcomplessa, trovando da un lato sì motivazioni ‘economiche’ nella corrispondenza biunivocache con la sua adozione sistematica si verrebbe a creare fra lettere e fonemi [. . .], ma dall’altroinnestandosi notoriamente su un impiego giovanile di lunga data, non scevro di motivazioniideologiche”. Sull’argomento cfr. anche De Anna (1996).
53 A proposito degli errori di digitazione nello scritto telematico Berruto (2005 : 149) scrive: “Tale scarsa sensibilità per gli errori di digitazione è un aspetto di qualche interesse nellanostra prospettiva, giacché in qualche modo riproduce la scarsa attenzione per gli aspetti diresa completa dei tratti fonici tipica del parlato non sorvegliato, l’allegro speech: rappresentacioè una specie di ipoarticolazione grafica, se così si può dire; considerata, allo stesso mododella ipoarticolazione fonetica del parlato veloce, irrilevante nel momento della produzionedel messaggio”.
54 Cfr. anche quanto scritto da Bartezzaghi (2009) e le riflessioni di Piero Fiorelli (2002).
55 Più correttamente si dovrebbe scrivere mah, boh, beh, eh, ehilà.
56 Del resto la scriptio continua, con assenza di spazi tra le parole, è un esempio di gioco linguistico estremamente diffuso in ambiti sia giovanili che tecnologici. Casomai ci si puòdomandare se l’effetto sia voluto o se in alcuni casi c’entri l’ignoranza degli scriventi.
57 Cfr. Gheno (2006 : 158–160) per una breve trattazione sull’argomento.
I fenomeni presentati compaiono spesso con grande densità, come si può notare nel breve spezzone di dialogo tratto da MSN Messenger che quiriporto con alcune spiegazioni in nota.
Z: stamattina so stravolto mesà spengo la luce e dormo._.58G: Loooooooooool ma sei a lavoro?59Z: essì60G: azz. . . 61G: alur te lasso sta62Z: vita di merda63G: aahh64Z: eh ma tanto mho dormo sul serio65G: io ho lezione alle 1066G: tanto fino alle 10 nn arriva ness1:v67 58 ‘Stamattina sono stravolto, mi sa che spengo la luce e dormo’. Notare so per sono, che po- trebbe più precisamente essere scritto con l’apostrofo so’, l’univerbazione mesà per ‘mi sa’, conun accento aggiunto arbitrariamente, visto che sa, voce del verbo ‘sapere’, non vuole l’accento.
Infine, alla fine del turno di conversazione il locutore aggiunge una faccina che indica stan-chezza. Ricordo che, come scrivono Violi & Coppock (1999 : 330), le emoticon formano “unasorta di codice cinestetico scritto che assume spesso una funzione metacomunicativa relativa-mente al contenuto del messaggio, suggerendo la chiave di lettura in cui interpretare corret-tamente una certa sequenza”. Aggiungerei che talvolta l’emoticon non solo spiega, ma arrivaa sostituire il testo stesso, essendo sufficiente per veicolare il messaggio all’interlocutore.
59 ‘[Ridendo] Ma sei al lavoro?’. Lol, come già ricordato, sta per laughing out loud, e quindi è un acronimo che aiuta a interpretare il senso della frase proprio come farebbe un’emoticon.
60 Anche qui, univerbazione “personalizzata” di eh sì. 61 Azz è una forma abbreviata di ‘cazzo’, usata spesso anche nel parlato informale o scarsamente formale come forma ormai poco marcata.
62 ‘Allora ti lascio stare’, con una specie di richiamo a una pronuncia pseudomilanese.
63 Notare l’assoluta e ormai assodata nonchalance con cui vengono usati termini piuttosto “forti”. Cfr. anche il riferimento all’acronimo OMFG alla nota 48, usato con altrettanta libertàin ambienti telematici di lingua inglese.
64 È piuttosto comune incontrare ideofoni in forme grafiche ‘personalizzate’, con allungamenti vocalici a mimare un particolare tono di parlato.
65 ‘Eh ma tanto mo’ dormo su serio’. Compare mo’, centro-meridionale per ‘adesso’, scritto 66 Chiaramente i dati numerici vengono in massima parte scritti come numeri e non come 67 ‘Tanto fino alle dieci non arriva nessuno’. In questo turno ci sono ben due esempi di tachigrafia, nn e ness1, il secondo caso particolarmente interessante per la commistione tra i giovani e la comunicazione mediata dal computer G: ma lavori alle poste?68Z: eh eh no azienda privata69Z: sono molto amico del figlio del capo asd70G: lol71G: raccomandato di merda!72 3. LG e CMC: tratti comuni e interferenze. Opinioni sul fenomeno
I tratti che LG e CMC hanno in comune sono a questo punto abbastanzaevidenti,73 a partire dalla doppia funzione che questi tipi di lingua hannonell’unire i membri di riconoscersi e segnare la separazione dagli altri, tantoche molti studiosi non esitano a definirle entrambe varietà paragergali pro-prio in base a questa funzione sociale. La lingua permette ai membri delgruppo di riconoscersi reciprocamente e di distinguersi da chi non ne fa par-te; il senso di gruppo è importantissimo nelle culture giovanili ed è altret-tanto importante all’interno delle comunità virtuali, dove l’uso della linguadiventa ancora più rilevante per le dinamiche societarie, visto che è l’unicomodo di comunicare con gli altri: nel mondo della Rete non esistono la pros-semica o la mimica facciale; non si può insomma fare affidamento su tuttiquegli elementi extralinguistici che ci permettono di comprendere meglio leintenzioni e lo stato d’animo dell’interlocutore nonché il senso di quello che lettere e numeri, con 1 che ovviamente sta per ‘uno’. In più il turno finisce con un’altra fac-cina, che di nuovo indica una risatina o un sorriso. Anche se in parte le faccine sembranosvolgere il ruolo che ha la prosodia nel parlato, Pistolesi (2004 : 99) nota che “diversamentedall’intonazione, le faccine suggeriscono a posteriori una lettura, ora ironica ora seriosa, deiturni; sono aggiunte solo al termine dell’enunciato, non lo accompagnano come la prosodia,e sono sempre usate in modo consapevole”.
68 Niente di rilevante, tranne la mancanza di maiuscole che caratterizza praticamente tutta 69 Come succede per il parlato, la frase non necessita di una sintassi ben costruita per venire 70 Asd, come già citato, sta ancora una volta per ‘ridere’.
71 Questo turno contiene solamente un’indicazione extralinguistica che indica che il 72 Lo spezzone dialogico si conclude con un altro disfemismo, seguendo ancora una vol- ta una già ampiamente rilevata tendenza alla “regressione della tabuizzazione linguistica”(Ursini 2005 : 331).
73 Li aveva già notati Elena Pistolesi (2005).
ci viene detto.74 Non a caso, una studiosa come Sabina Canobbio notava, nel2005,75 che i LG appaiono “particolarmente adatti, anzi appunto funziona-li, rispetto a una ‘nuova’ varietà di lingua” che sarebbe proprio quella dellenuove tecnologie. Nel generalizzarsi dell’uso di certi stilemi linguistici e delpassaggio o commistione tra LG e CMC interviene quindi prima di tutto unfattore di funzionalità del LG nei confronti dei nuovi media, unito alla ge-nerale diffusione di un linguaggio con molte caratteristiche riconducibili alLG, dovuto a fattori culturali e sociali quali anche la già nominata tendenzaa un allungarsi dell’età definibile giovanile.76 I giudizi espressi dai linguisti riguardo questi tipi di linguaggi sono di- versi. Spesso, pur riconoscendo gli aspetti interessanti che presentano, ven-gono manifestate perplessità rispetto alla loro “validità” linguistica. RaffaeleSimone, ad esempio, in un testo del 2005 parla del LG in questi termini:“Il cosiddetto ‘linguaggio dei giovani’ è in realtà un codice gravemente su-balterno e di vita brevissima, dato che esprime una cultura fatta di riporti ecalcinacci: come nasce e si rinnova di continuo, così è destinato a estinguersivelocemente”.77 Per altri, come per Fianu 2004, la veloce trasformazione delLG viene vista come prova di grande dinamismo e capacità di rinnovarsi.78Le stesse, diverse reazioni si notano riguardo ai vari tipi di CMC.
Davanti a realtà linguistiche talmente veloci nel cambiare, che catalizza- no influssi variegati e che in apparenza sembrano tenere in bassa conside-razione molti aspetti formali della lingua comunemente sentita come stan-dard, la reazione è spesso di preoccupazione per gli eventuali influssi di talivarietà sul resto della lingua.79 Occorre, tuttavia, precisare che ridurre LG e 74 Cfr. Herring (1999 : 3) ripreso anche da Gheno (2003) e (2006): “Users do not see or hear their interlocutors and thus do not have access to non-verbal information about how othersare responding.” 75 Canobbio (2005 : 42).
76 Immacolata Tempesta (2006 : 37) rileva proprio che “Il contributo del linguaggio giova- nile alla formazione di un nuovo livello substandard della lingua italiana appare oggi piùincisivo per via dei nuovi media che hanno favorito la diffusione e il radicamento di certeespressioni giovanili.” 77 Simone (2005).
78 Cfr. Fianu (2004).
79 Cfr. il tono dell’intervento di Ray (2004): “In conclusione, se da un lato l’egemonia dell’inglese sta risucchiando la linfa vitale dalla lingua italiana arrestandone la crescita e losviluppo, almeno i suoi dialetti le stanno dando sostegno con trasfusioni regolari che l’aiu-tano a tenersi in piedi. Ma se il colpo fatale è già stato assestato e alla fine l’italiano muore,allora lunga vita ai dialetti! Dopotutto, la lingua di Dante Alighieri, il toscano, all’epoca nonera nient’altro che uno di questi dialetti.” i giovani e la comunicazione mediata dal computer CMC a esempi di uso scorretto della lingua è fuorviante e limitativo. I giu-dizi di grandi linguisti, come Tullio De Mauro o Francesco Sabatini, sullostato di salute della nostra lingua e sulla sua permeabilità a questo genere diinflussi sono, tutto sommato, positivi: De Mauro, per esempio, a più ripre-se ha affermato che l’italiano gode di ottima salute e il recepimento al suointerno di elementi derivanti dall’influsso dei nuovi media e dalle linguestraniere, soprattutto l’inglese, sia da interpretare come riprova della vitalitàdella lingua e della sua capacità di adattamento a nuovi ambiti d’uso.80 Del resto, molti studiosi rivolgono l’attenzione a queste varietà di lin- gua guidati proprio da questa idea, ritenendo che esse possano servire comecartina di tornasole per capire la direzione in cui sta andando l’italiano, esa-gerando e in qualche modo anticipando i cambiamenti che potrebbero averluogo, in maniera più stemperata, su scala linguistica più ampia. Del resto, ildiscostarsi dalla norma delle varietà paragergali come il LG è un fenomenocomune e perfettamente comprensibile: da sempre i giovani tentano di diffe-renziarsi in ogni modo dalle generazioni che li hanno preceduti, anche attra-verso la trasgressione linguistica. Nuova linfa a questo procedimento vienedata proprio dai nuovi media, che per molti versi si adattano a—e adatta-no per sé—usi linguistici che sono sempre stati propri dei LG (si pensi, peresempio, a tutto il campo delle tachigrafie).
Va detto che le preoccupazioni in merito alla possibile “rovina” della lin- gua a causa di particolari influssi possono a volte essere causate da una nonperfetta conoscenza dei meccanismi di funzionamento di una lingua: comeribadisce De Mauro tramite molti suoi interventi, nessun idioma dell’uso vi-vo può rimanere immutato, sempre uguale a se stesso, perché è l’impiegostesso della lingua da parte del popolo che la parla a provocare inevitabilimutamenti in essa. Mentre il pubblico non specializzato in linguistica vor-rebbe, per esempio, risposte nette sulla correttezza o meno di un uso lingui-stico, la realtà è più sfumata, perché spesso si possono definire ambiti d’uso 80 Cfr. De Mauro (1998): “In verità il linguista tira a chiamarsi fuori da soverchi entusiasmi o alti lai per presunte straordinarie novità. Da una parte egli sa che, da quando sono docu-mentate, le seimila diverse lingue del mondo, anche le più consolidate ed egemoni, hannoconosciuto e conoscono fenomeni di interscambio e globalizzazione. La imponente sanscri-tizzazione del cinese e, di rimbalzo, del giapponese attraverso l’espansione del buddismo; lagrecizzazione dell’etrusco e del latino; l’arabizzazione del persiano; la latinizzazione e fran-colatinizzazione di molte lingue germaniche e soprattutto dell’inglese (oltre il 70% del suovocabolario è latino o francolatino e ha sostituito l’antico vocabolario germanico): ecco alcu-ni episodi storici che mostrano quanto largamente ha operato e opera la force d’intercourse,l’interscambio globalizzante fra le lingue.” più o meno adatti per un fenomeno linguistico senza esprimere giudizi nettisulla sua correttezza di per sé.81 4. Problemi posti dalle nuove forme di alfabetizzazione
e qualche proposta
In questo quadro molto complesso, di italofonia “in movimento”, se così sipuò dire, la scuola, a detta di non pochi studenti, parla spesso una lingua chemolti giovani non sono disposti a stare ad ascoltare, che sentono lontana dal-la loro esperienza quotidiana e che viene acquisita come varietà imbalsamatae inadatta a un uso vivo, provocando talvolta una specie di schizofrenia lin-guistica, per cui i giovani si ritrovano capaci di parlare due varietà di lingua,una “scolastica” e una paragergale, con difficoltà a impiegare le varietà inter-medie, importantissime per amministrare correttamente le tante situazionicomunicative nelle quali si può trovare un giovane adulto.
Dalle nuove forme di alfabetizzazione dobbiamo allora forse trarre qual- che spunto per modificare il modo di rapportarsi ai giovani. Ricorda ancoraSimone che i nuovi media riportano in auge forme di sapere che si ritene-vano superate: l’intelligenza sequenziale della lettura viene sostituita dall’in-telligenza simultanea che normalmente si usa per analizzare un’immagine, eche fino a poco tempo fa sembrava ormai sorpassata.82 Chiunque abbia a chefare con i giovani conosce anche un’altra peculiarità del loro modo di assimi-lare le informazioni: nella loro perenne fretta, molti di loro percepiscono laparola scritta come una barriera rispetto a forme di conoscenza più “veloci”.
Non sempre i giovani sono superficiali, ma a volte, per una serie di motivi, sisentono scoraggiati di fronte a un tipo di apprendimento che percepisconocome lontano dalla loro RL, real life, vita reale—per usare una definizione aloro cara. I metodi tradizionali di insegnamento spesso non sembrano tenerconto di questi aspetti cognitivi.83 Una delle possibili soluzioni, come prospettato da più parti, potrebbe essere una maggiore apertura della scuola all’influsso multimediale, tentan-do di educare i giovani a un uso ragionato dei mezzi telematici e della lorolingua. Del resto, le nuove forme di alfabetizzazione sono ormai inevitabili.
81 Invito a questo proposito a leggere la descrizione del neo-crusc, “personaggio [linguisticamente] iper-dogmatico e pieno di paranoie”, in De Benedetti (2009 : 13).
82 Simone (2000); cfr. anche Civiltà della scrittura (2008).
83 Cfr. quanto argomentato da Simone in Bertello (2001).
i giovani e la comunicazione mediata dal computer Nessuno può sottrarsi a tali influssi negando la loro importanza e rilevan-za, destinata anzi a crescere con il passare degli anni. La sfida dei prossimianni sarà quella di includere la multimedialità tra le esperienze necessariealla formazione del singolo; tutto questo senza che i giovani e in generalei fruitori delle nuove tecnologie smettano di conoscere e dare il giusto va-lore anche alla cultura tradizionale. La vera ricchezza cognitiva e culturaleè—e sarà sempre di più—rappresentata dalla capacità di muoversi tra re-gistri diversi, di adattarsi facilmente a mutate condizioni comunicative. Losforzo, per portare dei frutti, dovrà andare in entrambe le direzioni: la pre-senza delle nuove alfabetizzazioni va riconosciuta e non contrastata e d’altrocanto i giovani (per quanto informatizzati) devono continuare a investirenel comparto della cultura tradizionale, da loro talvolta percepito come ve-tusto e ormai superfluo, quando ovviamente così non è.84 Per esemplificareconcretamente, non ha senso concentrarsi nella “lotta al refuso” nell’ambitodegli SMS, dove l’imprecisione ortografica è spesso dettata dal desiderio divelocità; va invece data la giusta formazione linguistica per impedire che talierrori vengano pedissequamente riportati in ambiti differenti, dove maga-ri un “pò” accentato potrebbe condizionare in maniera negativa il giudiziosullo scrivente. Rimane ancora valido, a distanza di ormai dieci anni, il mo-nito di una nota Pubblicità Progresso che esortava, con chiaro riferimentoal concetto reso celebre da Marshall McLuhan, a “Non diventare lo scemodel villaggio globale”.85 Bibliografia
Banfi, E. (1994): ‘Linguaggio dei giovani’, ‘linguaggio giovanile’ e ‘italiano dei giovani’. In: T.
De Mauro (ed.) Come Parlano gli Italiani. Scandicci (Firenze): La Nuova Italia Editrice.
149–256.
Banfi E. & A. A. Sobrero (eds.) (1992): Il Linguaggio Giovanile degli Anni Novanta. Regole, Invenzioni, Gioco. Roma–Bari: Laterza.
84 Nota Raffaele Simone (2000 : 55) che, tra l’altro, con l’avvento dell’informatica, si ribalta in parte la tradizionale distribuzione del sapere in cui in “vecchi” sono depositari della co-noscenza mentre i “giovani” imparano. Adesso, per molti versi, “i nuovi ‘vecchi’ — quanto aesperienza e a sapere — sono oggi in molti campi i giovani; mentre i vecchi di una volta resta-no inesorabilmente isolati nel loro mondo conoscitivo, che a volte non serve assolutamentepiù”. È chiaro che anche questo aspetto contribuisce all’affermarsi di scontri quasi generazio-nali tra “sapere tradizionale” e nuove alfabetizzazioni, ed è altrettanto evidente che questo èuno dei problemi da superare per arrivare a una convivenza tra saperi.
Bartezzaghi, S. (2009): Errori, troppi sms e nuovi linguaggi. Dice addio l’apostrofo dimenti- cato. La Repubblica.it 20/02/2009.
(http://www.repubblica.it/2009/02/sezioni/spettacoli_e_cultura/apostrofo-addio/apostro-fo-addio/apostrofo-addio.html) Berruto, G. (1987): Sociolinguistica dell’Italiano Contemporaneo. Roma: La Nuova Italia Scien- Berruto, G. (2005): Italiano parlato e comunicazione mediata dal computer. In: K. Hölker & Chr. Maaß (eds.) Aspetti dell’Italiano Parlato. Münster–Hamburg–Berlin–Wien–London:Lit Verlag. 137–156.
Berruto, G. (2007): Miserie e grandezze dello standard. Considerazioni sulla nozione di stan- dard in linguistica e sociolinguistica. In: P. Molinelli (ed.) Standard e Non Standard traScelta e Norma. Atti del XXX Convegno della Società Italiana di Glottologia. Roma: IlCalamo. 13–41.
Bertello, A. (2002): La deriva della scuola. Intervista a Raffaele Simone.
(http://wwww.flcgil.it/layout/set/print/notizie/rassegna_stampa/2002/aprile/la_deriva_della_scuola_intervista_a_raffaele_simone) Biffi, M. (in stampa): Il T9 e la semplificazione dell’italiano. In: AA. VV. (eds.) Atti del Con- vegno “Se Telefonando. . . Ti Scrivo. L’italiano al Telefono: dal Parlato al Digitato” (Firenze, 11maggio 2007). Firenze: Accademia della Crusca.
Binazzi, N., M. Marzullo & R. Setti (2006): Le competenze lessicali degli studenti toscani.
Parole della tradizione e parole della modernità. In: AA. VV. (eds.) Analfabetismo e Depri-vazione Culturale, Collana Educazione — Studi e Ricerche della Regione Toscana. Pisa:University Press. 77–157.
Canobbio, S. (2005): Dalla “lingua dei giovani” alla “comunicazione giovanile”. In: F. Fusco Censis (2008) = Rapporto Censis 2008.
(http://www.censis.it/277/280/339/6663/6667/6677/content.ASP) Civiltà della scrittura 2008 = s.a. (2008): I ragazzi non leggono più e sta nascendo il “cervello digitale”! Civiltà della scrittura 10 (aprile–giugno 2008): 8.
(http://www.fondazionegiulietti.it/downloads/c10pag08.pdf) Corriere 2008 = s.a. (2008): Editoria, i ragazzi italiani leggono più dei loro genitori. Corriere.it 2/10/2008.
(http://www.corriere.it/cultura/08_ottobre_01/editoria_lettura_ragazzi_2ae1eec6-8fc0-11dd-83b2-00144f02aabc.shtml) Corriere 2009 = s.a. (2009): TV, un insulto o un litigio ogni otto minuti. Corriere.it 19/4/2009.
(http://www.corriere.it/spettacoli/09_aprile_19/tv_insulti_otto_minuti_a02bbe4c-2d03-11de-bc78-00144f02aabc.shtml) Cortelazzo, M. A. (1994): Il parlato giovanile. In: L. Serianni & P. Trifone (eds.) Storia della Lingua Italiana, vol. 2, Scritto e Parlato. Torino: Einaudi. 291–317.
(http://www.maldura.unipd.it/romanistica/cortelazzo/cortelazzo.pdf) Cortelazzo, M. A. (1995): La componente dialettale nella lingua delle giovani e dei giovani.
In: G. Marcato (ed.) Donna e Linguaggio. Atti del Convegno Internazionale di Studi,Sappada/Plodn (Belluno) 1995. Padova: CLEUP. 581–586.
i giovani e la comunicazione mediata dal computer Cortelazzo, M. A. (2000): “6 proprio 3mendo”: dalla lettera ai messaggini in codice. Oralità, concisione, assenza di sintassi: le caratteristiche di una scrittura “allegra”. Il Corriere dellaSera 18/8/2000: 29.
(http://www.maldura.unipd.it/giov/CS19082000.html) Coveri, L. (1983): Prospettive per una definizione del linguaggio giovanile in Italia. In: G.
Holtus & E. Radtke (eds.) Varietätenlinguistik des Italienischen. Tübingen: Günter NarrVerlag. 134–141.
Coveri, L. (1991): La Smemoranda per scrivere come i muri e il videotel. Thèuth 1: 5.
Coveri, L. (1993): Novità del/sul linguaggio giovanile. In: E. Radtke (ed.) La Lingua dei Giovani. Tübingen: Günter Narr Verlag. 35–48.
Coveri, L., A. Benucci & P. Diadori (1998): Le Varietà dell’Italiano: Manuale di Sociolinguistica Italiana. Roma: Bonacci Editore.
D’Orrico, A. (2008): L’italiano ai tempi degli SMS. Corriere.it 8/9/2003.
(http://www.corriere.it/cronache/08_settembre_03/magazine_italiano_ai_tempi_degli_sms_1a22586a-798f-11dd-9aa0-00144f02aabc.shtml) De Anna L. G. (1996): Un grafema trasgressivo. L’uso metaforico del kappa. In: B. L. Jensen (ed.) Atti del IV Congresso degli Italianisti Scandinavi (Copenhagen, 8–10 giugno 1995).
København: Handelshøjskolen i København. 169–178.
De Benedetti, A. (2009): Val Più la Pratica. Piccola Grammatica Immorale della Lingua Italiana.
De Mauro, T. (1997–1998): Ogni lingua è globale, ciascuna a proprio modo. Telèma 11 (inverno 1997/1998), numero intitolato “Globalizzazione, rischi e opportunità”.
(http://italiano.sismondi.ch/letteratura/testi-brevi/DeMauro-da-Telema-1998.html) De Mauro, T. (2006): Prefazione. In: N. Grandi & G. Iannàccaro (eds.) Zhì. Scritti in Onore di Emanuele Banfi in Occasione del Suo 60 Compleanno. Roma: Caissa Italia. xxvii–xxxi.
Eurostat (2008): Rapporto Eurostat 2008.
(http://epp.eurostat.ec.europa.eu/portal/page?_pageid=2693,70381876,2693_70591983&_dad=portal&_schema=PORTAL) Fianu, S. (2004): Profilo di una nuova realtà linguistica: il linguaggio giovanile. Analele Uni- versitatii Bucuresti.
(http://www.e-scoala.ro/limbi-straine/linguaggio_giovanile.html) Fiorelli, P. (2002): Incertezze ortografiche nel Duemila. Nota di Piero Fiorelli per la riunione del C.L.I.C. [Centro di Consulenza Linguistica sull’Italiano Contemporaneo] di lunedì21 gennaio 2002. Firenze, Accademia della Crusca. (Non pubblicato).
Fitzpatrick, M. (2008): This is social networking, Italian style. The Guardian 6/11/2008.
(http://www.guardian.co.uk/technology/2008/nov/06/internet-blackberry-social-network-ing) Fusco, F. & C. Marcato (eds.): Forme della Comunicazione Giovanile. Atti del Convegno di Udine (8 maggio 2003). Roma: Il Calamo.
Gagliardi, G. (2005): Leet Speak, da linguaggio hacker a codice anti-genitori dei teenager, Repubblica.it 14/10/2005.
(http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/scienza_e_tecnologia/leet/leet/leet.html) Gargiulo, M. (2004): La cultura della noia e del rifiuto. Confusi tra spot, globalizzazione e cyberspazio. LId’O —Lingua Italiana d’Oggi 1 (2004): 87–97.
Gargiulo, M. (2008): Linguaggio giovanile e consumi culturali. In: C. Lavinio & G. Lanero Gheno, V. (2003 [ma 2004]): Prime osservazioni sulla grammatica dei gruppi di discussione telematici di lingua italiana. Studi di Grammatica Italiana 22: 267–308.
Gheno, V. (2006): Analisi Sociolinguistica di un Corpus di Newsgroup Italiani. Tesi di Dottorato.
Firenze, Università degli Studi di Firenze [Dottorato di Ricerca in Linguistica, XVIIICiclo].
Gheno, V. (in stampa): Linguaggio giovanile, nuovi media, SMS: contatti e influssi reciproci.
In: AA. VV. (eds.) Atti del Convegno “Se Telefonando. . . Ti Scrivo. L’italiano al Telefono: dalParlato al Digitato” (Firenze, 11 maggio 2007). Firenze: Accademia della Crusca.
Gineprini, M. & M. Guastavigna (2003): Mappe per il governo delle idee. Scuola e Città 2/2003.
(http://xoomer.virgilio.it/marcoguastavigna/mxg.pdf) Gobbi, B. (1999): Giovani, al via campagna su computer e lingue. Un invito alla alfabetizza- zione informatica: “Non diventare lo scemo del villaggio globale”. Repubblica.it 9/9/1999.
(http://www.repubblica.it/online/scuola/progresso/progresso/progresso.html) Grasso, A. (1997): Radio e TV, cattive maestre di italiano. Corriere.it 15/11/1997.
(http://archiviostorico.corriere.it/1997/novembre/15/RADIO_CATTIVE_MAESTRE_ITA-LIANO_co_0_9711154987.shtml) Herring, S. (1999): Interactional Coherence in CMC. Journal of Computer Mediated Communi- cation 4: 4.
(http://jcmc.indiana.edu/vol4/issue4/herring.html) Il Nuovo (2001): s.a. (2001): Ti scrivo una lettera, ma sullo zaino. Intervista a Fabrizio France- schini. Il Nuovo 23/9/2001. Online sul sito Linguagiovani.
(http://147.162.119.4/linguagiovani/modules/soapbox/article.php?articleID=5) Lavinio, C. & G. Lanero (eds.): Dimmi Come Parli. . . Indagine sugli Usi Linguistici Giovanili in Sardegna. Cagliari: CUEC Editrice.
Lévy, P. (1999): Cybercultura. Gli Usi Sociali delle Nuove Tecnologie. Milano: Feltrinelli.
Maraschio, N. (1993): Grafia e ortografia: evoluzione e codificazione. In L. Serianni & P.
Trifone (eds.) Storia della Lingua Italiana. Torino: Einaudi. Vol. 1. 139–227.
Nowottnick, M. (1993): Gioventù, lingua e mass media visti dalla prospettiva della linguistica tedesca. In: E. Radtke (ed.) La Lingua dei Giovani. Tübingen: Günter Narr Verlag. 161–174.
OPCD (2007) = Osservatorio Permanente Contenuti Digitali (2007): Liquidi & Mutanti. In- dustrie dei Contenuti & Consumatori Digitali. La Sintesi dell’Indagine Quali-Quantitativa.
(http://www.osservatoriocontenutidigitali.it/Portals/22/File%20allegati/OCD_sintesiinda-gine.pdf) Pistolesi, E. (2003): L’italiano nella rete. In: N. Maraschio & T. Poggi Salani (eds.) Italia Lin- guistica Anno Mille. Italia Linguistica Anno Duemila. Atti del XXXIV Congresso Interna-zionale di Studi della SLI. Roma: Bulzoni. 431–447.
Pistolesi, E. (2004): Il Parlar Spedito. L’italiano di Chat, E-mail e SMS. Padova: Esedra.
Pistolesi, E. (2005): Internet e il linguaggio dei giovani (LG). In: Fusco & Marcato (2005 : Radtke, E. (1992): La dimensione internazionale del linguaggio giovanile. In: Banfi & Sobrero i giovani e la comunicazione mediata dal computer Ray, L. (2004): Italian lies dying. . . and the assassin is English! The Linguist 43, 2: 34–37.
(Versione inglese: http://uk.geocities.com/[email protected]/italiandying.html; versione ita-liana: http://uk.geocities.com/[email protected]/italianomoribundo.html) Sabatini, F. (1985): ‘L’italiano dell’uso medio’: una realtà tra le varietà linguistiche italiane. In: G. Holtus (ed.) Gesprochenes Italienisch in Geschichte und Gegenwart. Tübingen: GünterNarr Verlag. 154–184.
Sabatini, F. (1990): ‘Italiani regionali’ e ‘italiano dell’uso medio’. In: M. A. Cortelazzo & A.
M. Mioni (eds.) L’italiano Regionale, Atti del XVIII Congresso Internazionale di Studi,Padova–Vicenza, 14–16 settembre 1984 (SLI 25). Roma: Bulzoni. 75–78.
Simone, R. (2000): La Terza Fase. Forme di Sapere che Stiamo Perdendo. Bari: Laterza.
Simone, R. (2001): Leggere o guardare? L’homo videns nell’epoca di Internet. Trascrizione di un’intervista televisiva mandata in onda nel corso del programma Il Grillo del 16/1/2001.
(http://www.emsf.rai.it/grillo/trasmissioni.asp?d=746) Simone, R. (2005): Linguaggio e comunicazione nella tempesta globale. Abstract dell’inter- vento al convegno CIDI (Centro di Iniziativa Democratica degli Insegnanti), Roma, 4–6marzo 2005.
(http://www.cidi.it/convegni_nazionali/Roma/DirettaWeb/simone.html) Sobrero, A. A. (1990): Varietà linguistiche giovanili tra passato e futuro. In: G. Martignoni (ed.) Seduzioni di Normalità. Linguaggi Giovanili e Anni Ottanta. Comano: Edizioni Alice.
97–109.
Sobrero, A. A. (1992): Varietà giovanili: come sono, come cambiano. In: Banfi & Sobrero Sobrero, A. A. (2003): Nell’era del post–italiano. Italiano & Oltre 18, 5 : 272–277.
Sobrero, A. A. (2008): Finalmente dei dati!. In: Lavinio & Lanero (2008 : 131–146).
Tempesta, I. (2006): Linguaggio dei giovani o lingua giovane? Quale rapporto fra l’italiano dei giovani e il repertorio. In: G. Marcato (ed.) Giovani, Lingue e Dialetti. Padova: Unipress.
33–42.
Ursini, F. (2005): La lingua dei giovani e i nuovi media: gli SMS. In: Fusco & Marcato (2005 : Vanini, F. M. (2008): Esclamazioni libere e linguaggio giovanile. In: Lavinio & Lanero (2008 : Vernaleone, C. (2008): Il linguaggio delle relazioni. In: Lavinio & Lanero (2008 : 173–189).
Violi, P. & P. J. Coppock (1999): Conversazioni telematiche. In: R. Galatolo & G. Pallotti (eds.) La Conversazione. Un’Introduzione allo Studio dell’Interazione Verbale. Milano: RaffaelloCortina Editore. 319–364.

Source: http://www.verbum-analectaneolatina.hu/pdf/11-1-11.pdf

Microsoft word - 304-0067 rev 2 raindrop ifu.docx

RAINDROP® NEAR VISION INLAY INSTRUCTIONS FOR USE DEVICE DESCRIPTION The Raindrop Near Vision Inlay is a medical device intended to improve near vision and reduce dependence on near vision correction modalities, such as reading glasses or contact lenses, when implanted in presbyopic patients. The inlay is made of a biocompatible hydrogel material and is packaged within the Raindrop In

Ketek® (telithromycin)

Table 2 (continued) Mean concentration (µg/mL) (telithromycin) Tablets Tissue or Ketek is contraindicated in patients with myasthenia gravis. There have been reports of fatal and life-threatening respiratory failure in patients with myasthenia gravis associated with the useof Ketek. (See CONTRAINDICATIONS .) To reduce the development of drug-resistant bacteria and maintain the

Copyright © 2010-2014 Medical Articles